Per informazioni
E-mail: info@chirurgiacolorettale.eu

Carcinoma del Colon-Retto

Il carcinoma del colon retto rappresenta la seconda causa di morte per tumore. In Italia l'incidenza varia nelle diverse regioni da 30 a 53 nuovi casi l'anno ogni 100.000 abitanti; i pazienti deceduti per questa malattia sono circa 18.000/anno. Le proiezioni future ipotizzano sicuramente un progressivo aumento. Sono cifre impressionanti se si considera che la malattia è potenzialmente curabile se diagnosticata nelle fasi iniziali.

Come origina

E 'generalmente accettato che la quasi totalità dei cancri del colon e del retto hanno inizio da polipi benigni. Queste neoformazioni pre-maligne insorgono  sulla parete intestinale e possono eventualmente aumentare di dimensioni e diventare cancro nel giro di diversi anni. La rimozione di polipi benigni è un aspetto della medicina preventiva che funziona davvero!

Prevenzione primaria

Anche se non definitivamente provato, ci sono alcune evidenze scientifiche che la dieta può giocare un ruolo significativo nella prevenzione del cancro colorettale. Attualmente come prevenzione primaria sono disponibili dei generici consigli di igiene alimentare (riduzione globale degli alimenti ad alto apporto calorico ed aumento del consumo di alimenti ad alto contenuto di fibre e scorie ed adeguato apporto di acqua con la dieta).

Prevenzione secondaria

Il cancro del colon è prevenibile. Il passo più importante verso la prevenzione del cancro del colon è sempre un test di screening. Ogni test di screening positivo (anormale) dovrebbe essere seguito da una colonscopia. Alcune persone preferiscono iniziare con una colonscopia come test di screening.

Circa l'80% dei nuovi casi di carcinoma del colon-retto si hanno in soggetti asintomatici ed in assenza di fattori di rischio conosciuti. Nonostante il cancro colorettale possa insorgere a qualsiasi età, più del 90% dei pazienti hanno un’età maggiore di 50 anni, ed il rischio raddoppia ogni dieci anni di vita. Pertanto in soggetti con età superiore ai 50 anni, dovrebbe essere proposta l'esecuzione di una pancolonscopia, con l'obiettivo di identificare individui con carcinoma colo-rettale o polipi adenomatosi. Questa poi dovrebbe essere ripetuta ogni 5 anni.

Oltre all'età vi sono altri fattori ad alto rischio quali: una storia familiare di cancro del colon-retto e di polipi (individui con due o più parenti di primo grado affetti da carcinoma del colon-retto o polipi adenomatosi) oppure una storia personale di colite ulcerosa, polipi del colon o il cancro di altri organi, in particolare del seno o dell'utero. Questi soggetti devono essere pertanto sottoposti a protocolli di sorveglianza più stretti rispetto alla popolazione generale. Ad esempio, gli individui che hanno familiarità per il cancro del colon o polipi intestinali dovrebbero iniziare lo screening all'età di 40 anni.

I sintomi

I sintomi più comuni sono il sanguinamento rettale e cambiamenti nelle abitudini intestinali, come la stipsi o diarrea. Questi sintomi sono comuni anche in altre malattie per cui è importante sottoporsi ad una visita approfondita nel caso in cui si dovessero verificare. Dolore addominale e perdita di peso sono di solito sintomi tardivi e sono indicativi di una possibile malattia diffusa. Purtroppo molti polipi e cancri in fase iniziale non danno alcuna sintomatologia. E’ per questo che è così importante lo screening!

Ci sono diversi metodi per diagnosticare il tumore del colon-retto. Questi includono un esame rettale digitale, un'analisi chimica delle feci per la ricerca del sangue occulto, la rettosigmoidocolonscopia (o colonscopia) con endoscopio flessibile (uno strumento tubulare dotato di telecamera in punta, utilizzato per controllare la parte inferiore dell'intestino), il clisma opaco e la TC colonscopia virtuale (una TC dell’addome con ricostruzione digitale del lume intestinale). Il chirurgo colo-rettale saprà consigliarvi quale procedura è meglio per voi.

La colonscopia permette la visualizzazione di tutto il colon, l'identificazione e l'asportazione mediante strumenti dedicati di tutti i polipi e la possibilità di eseguire delle biopsie; tale esame endoscopico viene condotto in regime ambulatoriale o di day surgery (ricovero al mattino e dimissione nelle prime ore della sera), e può essere eseguito con o senza sedazione (questa non prevede l'intubazione del paziente che rimane in respiro spontaneo). Il paziente dovrà eseguire il giorno precedente all’esame una preparazione intestinale con un lassativo e una dieta priva di scorie per circa 7 giorni precedenti l’esame.

C’è correlazione tra la patologia emorroidaria e il cancro del colon-retto?

No, ma le emorroidi possono dare sintomi simili a quelli dati dai polipi e dal cancro del colon. Se si verificano questi sintomi, è opportuno farli esaminare e valutare dal medico di base, o preferibilmente da un chirurgo colo-rettale.

Trattamento del cancro colo-rettale

Il trattamento del cancro colo-rettale prevede un intervento chirurgico in quasi tutti i casi per il raggiungimento di una guarigione completa. La radioterapia e la chemioterapia sono a volte utilizzate in aggiunta all'intervento chirurgico. Nell’ 80-90% dei casi si raggiunge una guarigione completa se il tumore viene diagnosticato e trattato nelle fasi iniziali. Il tasso di guarigione scende al 50% o meno se diagnosticato nelle fasi successive. Grazie alla tecnologia moderna, meno del 5% di tutti i pazienti con cancro colo-rettale richiedono una colostomia, cioè il confezionamento chirurgico di un ano artificiale sulla parete addominale.

Cos’è un chirurgo colo-rettale

I chirurghi colo-rettali sono dei chirurghi specializzati nel trattamento chirurgico e non-chirurgico delle malattie del colon, del retto e dell’ano. Essi hanno conseguito un training avanzato nel trattamento delle malattie colo-rettali in aggiunta alla specializzazione in chirurgia generale. I chirurghi colo-rettali trattano patologie benigne e maligne, eseguono esami di screening e quando necessario attuano il trattamento chirurgico della malattia.

 

Carcinoma del Colon-Retto

Per un consulto privato

391.4213781

Lasciando il numero sarà piu facile e veloce ricontattarti

Loading ...
Grazie per averci contattato

La nostra equipe

Sito web curato da Pierpaolo Sileri
La nostra équipe si avvale di specialisti di elevata professionalità e lunga esperienza nel campo della coloproctologia.
CHIRURGIA:
Pierpaolo Sileri, Luana Franceschilli e Agostino Scozzarra

Pierpaolo
Sileri

Universita' di Roma Tor Vergata Chiru ...

vai alla scheda

Hamid
Golizadeh

Medicina interna

vai alla scheda

Agostino
Scozzarro

Endoscopia terapeutica e gastroenterolog ...

vai alla scheda

Le nostre sedi

UNIVERSITA' DI ROMA TOR VERGATA POLICLINICO TOR VERGATA

Viale Oxford 81, 00133


Ambulatorio di Proctologia

LUN 9-12, VEN 9-12 previo appuntamento attraverso CUP chiamare il numero 803333

prolasso.rettale@ptvonline.it

CLINICA SANATRIX

Via di Trasone 61, 00199 Roma


Per appuntamenti:
Tel. 391.4213781

Copyright © Chirurgia colon-rettale e mini invasiva

Sito web realizzato da web agency romaWeb Agency Roma rekuest.com*